Licenziati dai robot

Da alcuni giorni Amazon ha avviato Amazon Go. L’idea è semplice: un negozio in cui vai, prendi quello che vuoi dagli scaffali e il costo si carica automaticamente sul cellulare che porti con te. Il costo della spesa va sul tuo conto bancario o su una carta di credito, e questo è tutto. Nessun problema, nessun cassiere, facile e veloce. Il primo negozio, a Seattle, sta avendo un successo strepitoso. Nessuno è responsabile del rifornimento degli articoli. Un sistema automatico lo fa. Presto due robot riforniranno gli articoli sugli scaffali, un compito ancora svolto da due impiegati. Anche la pulizia del pavimento viene eseguita da un robot. L’obiettivo è di avere un negozio totalmente automatico, dove nessun essere umano può commettere errori, ammalarsi, scioperare, fare vacanze o scaricare sul lavoro problemi personali.

L’industria petrolifera americana calcola che entro tre anni ridurrà da 20 a cinque lo staff richiesto in ciascun pozzo. I piccoli hotel entro tre anni avranno una reception completamente automatizzata. Arriverete, farete scorrere la vostra carta di credito, riceverete una chiave per la vostra camera e avete finito. Se hai bisogno di qualcosa, chiami un ufficio centrale, dove le persone risponderanno alle tue domande e faranno ciò che tutti i receptionist eliminati stavano facendo. Siamo già abituati al telefono automatico per le prenotazioni: e fare da noi le operazioni all’aeroporto che prima erano assolte da commessi. I funzionari dell’immigrazione saranno ridotti a una piccola squadra, che interverrà solo se chiamata dalle macchine dell’immigrazione. Contrariamente a ciò che pensavamo, i veicoli a guida autonoma stanno arrivando velocemente: le case costruttrici di automobili pensano che saranno sul mercato entro il 2021.

Negli Stati Uniti, secondo l’istituto di ricerca ABI, il numero di robot industriali salirà quasi del 300% in meno di un decennio. Il National Economic Research Bureau, ha scoperto che per ogni robot industriale introdotto nella forza lavoro, vengono eliminati sei posti di lavoro. Dopo l’industria automobilistica, il settore più forte è quello farmaceutico. I robot possono eseguire operazioni tossiche, senza alcuna protezione.

La Conferenza delle Nazioni Unite per il commercio e lo sviluppo (UNCTAD) ha pubblicato un comunicato che indica cosa porterebbe questa rivoluzione dei robot in Asia, Africa e America Latina. “Se i robot sono considerati una forma di capitale che è un sostituto stretto per i lavori poco qualificati, il loro uso crescente riduce la percentuale di lavoro umano nei costi di produzione. Gli effetti negativi per i paesi in via di sviluppo potrebbero essere significativi”afferma il rapporto. Nel maggio 2016, il rapporto sui dividendi digitali della Banca Mondiale ha calcolato che la sostituzione con i robot di lavoratori poco qualificati, nei paesi in via di sviluppo, riguarderebbe due terzi dei lavori. La Cina sarà il più grande utente di robot. La grande riserva di manodopera a basso costo, proveniente dalla zona rurale, sta diminuendo. La Cina progetta di diventare un leader mondiale dell’alta tecnologia. Il tempo delle imitazioni economiche è finito. Ora la Cina registra più brevetti degli Stati Uniti. Foxconn, il fornitore di Apple, ha ridotto l’ anno scorso la sua forza lavoro, da 110.000 a 50.000 a Kunshan, ad esempio, grazie alle introduzioni di robot.

Gli economisti chiamano questa ondata di automatizzazione la Quarta Rivoluzione Industriale. La prima è iniziata, alla fine del XVIII secolo, con l’introduzione di macchine per fare il lavoro artigianale, come nel settore tessile. Il suo impatto divenne visibile nel 1811, quando i seguaci di un immaginario Ned Ludd iniziarono a distruggere un telaio meccanico, perché lasciavano senza lavoro migliaia di tessitori individuali (che divennero lavoratori delle fabbriche). La seconda rivoluzione industriale avvenne verso la metà dello stesso secolo, quando la scienza venne applicata alla produzione, creando motori e altre invenzioni, introducendo la vera rivoluzione industriale. Questo portò le popolazioni rurali a migrare verso le città, per lavorare nelle fabbriche. La Terza rivoluzione, a metà del secolo scorso, è considerata l’introduzione della Rete, che ha cambiato di nuovo le forme di produzione. Sono spariti i lavori delle segretarie d’azienda, del compositore tipografico nei giornali, del contabile, dell’archivista, del bibliotecario, e di altre centinaia di professioni rese obsolete dalla Rete.

 

Il lavoro era considerato un importante fattore di costo nella produzione. Ed era quanto i lavoratori avessero dei diritti sui benefici che ne derivavano, che scatenarono la creazione di sindacati, la sinistra moderna e l’adozione di valori universali, come la giustizia sociale, la trasparenza, la partecipazione, base delle moderne relazioni internazionali. I rapporti della macchina con la distribuzione dei benefici della produzione hanno ispirato diversi pensatori, filosofi ed economisti negli ultimi secoli. Generalmente si pensava che sarebbe arrivato un tempo in cui le macchine avrebbero finito per fare tutta la produzione e l’umanità sarebbe stata priva di lavoro, mantenuta dai profitti generati dalle macchine. Questo, ovviamente, era più un sogno che una teoria politica. Eppure oggi tutti i manager della produzione di Intelligenza Artificiale e Robot sostengono che la maggiore produttività dei robot ridurrà i costi, consentendo quindi una maggiore consumazione di beni e servizi, che genererà nuovi posti di lavoro, che assorbiranno facilmente quelli spostati dalle macchine. I dati che abbiamo non lo mostrano per niente. Il rapporto economico del presidente degli Stati Uniti, affermano che c’è una probabilità dell’83% che chi guadagna 20 dollari all’ora, possa sostituire il proprio lavoro con i robot. Questa proporzione va al 31% per chi guadagna 40 dollari l’ora. La nuova economia dell’intelligenza è basata sulla conoscenza tecnica. Hai un futuro, se sei capace di adattarti a quel tipo di società, per cui le nuove generazioni sono molto più sintonizzate. Ma cosa farà un tassista, che non ha un’istruzione tecnica, per riciclarsi? Le statistiche mostrano che oggi, quando qualcuno perde il lavoro a una certa età, se ne trova uno nuovo, sarà quasi sempre a una remunerazione inferiore. La robotizzazione interesserà, soprattutto, la classe medio-bassa, con una nuova divisione generazionale.

Questo ci porta, per concludere, a fare due considerazioni politiche e una proposta concreta, per il gusto di pensare positivo.

La prima considerazione è che Trump e tutti gli altri politici che vogliono ripristinare un glorioso passato per il futuro ignorano totalmente questo dibattito (sfortunatamente non si tratta di dibattito politico). Per ripristinare posti di lavoro in miniere e fossili, ad esempio, si ignora che lo sviluppo ha già perso molti posti di lavoro e continuerà a farlo. I dati delle compagnie petrolifere sono definitivi, quindi, radunare le persone scontente, come è avvenuto in Europa con la Brexit, è una conseguenza della povertà del dibattito politico, dove i partiti politici tradizionali (soprattutto a sinistra), invece di spiegare chiaramente il mondo in cui ci troviamo, e quello in cui stiamo andando, stanno cercando di trascinare il sentimento delle vittime della globalizzazione neoliberista, prendendo spesso le bandiere dei nazionalisti. Le prossime elezioni in Italia sono un buon esempio. Il partito di centrosinistra di Matteo Renzi sembra che otterrà un minor numero di voti, a causa della sua confusa identità, che è difficile individuare dalle altre parti.

La seconda considerazione politica è che la migrazione è diventata un tema importante nelle elezioni. Trump è stato eletto su una forte piattaforma anti-immigrati, che continua nel suo governo. I governi di Ungheria, Austria, Polonia, Cechia, Slovacchia, sono basati sul rifiuto degli immigrati. In tutta Europa, dai paesi nordici alla Francia, ai Paesi Bassi e alla Germania, i sentimenti anti-immigrati condizionano i governi. Nelle elezioni italiane, la vecchia volpe di Berlusconi, per prendere voti dallo xenofobo Salvini (che è l’equivalente italiano del nazionalista internazionale, con Putin in Europa e Trump nel mondo come leader), ha promesso che espellerà 600.000 immigrati, se vince le elezioni.

Il governo Renzi presenta la riduzione degli immigrati via mare quale esempio del suo buon governo (senza menzionare che ciò sia stato fatto distribuendo denaro a tutte le fazioni libiche e ai trafficanti di immigrati).

Il timore è che gli immigrati stiano rubando posti di lavoro e risorse ai legittimi cittadini europei. Le statistiche dell’Unione europea ci dicono che il numero totale di cittadini non comunitari che vivono in Europa (alcuni da molto tempo), ora è di 35 milioni di persone. Di questi circa otto milioni sono africani e sette milioni arabi. Queste cifre includono anche gli immigrati illegali. Questo, in una popolazione di 400 milioni. Tutte le statistiche sottolineano che oltre il 97% degli immigrati sono totalmente integrati, che pagano in media più tasse rispetto alla gente del posto (ovviamente, si preoccupano del loro futuro), e ora quelli che non hanno un lavoro sono circa 2,3 milioni di persone, che stanno ancora aspettando la loro situazione giuridica. Non esiste un solo studio che affermi che gli immigrati abbiano assunto il ruolo di europei in modo significativo.

Erano gli stessi argomenti contro l’ingresso della donna nel mercato del lavoro. Una percentuale crescente di donne ha aderito alla forza lavoro negli ultimi 30 anni, ma questi aumenti non hanno coinciso con la caduta dei tassi di occupazione per gli uomini. Uno studio su Brexit dimostra che gli immigrati hanno contribuito ad aumentare il prodotto lordo nazionale e l’aumento della produttività ha comportato una crescita globale dell’occupazione. Ma abbiamo raggiunto un punto in cui nessuno ascolta più i fatti, a meno che non siano convenienti.

E ora la proposta concreta. È chiaro che la vera minaccia per l’occupazione per la grande maggioranza dei cittadini deriva dalla robotizzazione, non dall’immigrazione. Nessun lavoratore è stato licenziato per essere sostituito da un immigrato, a meno che non si parli di lavori non qualificati, che gli europei non vogliono comunque. Autisti di camion, tassisti, conducenti di autobus, conducenti di scuole, per fare l’esempio più imminente, non temete l’immigrazione per il loro lavoro. Bene, in pochissimi anni, il loro lavoro diventerà obsoleto e non ci saranno piani o preparazione per questo. Quando il problema esploderà, la politica inizierà a guardarlo. Sarebbe una cosa più responsabile da fare, invece di alimentare la paura con il populismo e la xenofobia, iniziamo ad affrontare i problemi reali che la nostra società sta affrontando: l’automatizzazione. Ed ecco una semplice proposta: qualcuno che prende un robot, sta facendo soldi grazie alla sua superiore produttività, e sta licenziando qualcuno. Quindi, dopo aver pagato il robot durante un paio di anni, ha un vantaggio del 100% dal licenziamento di un essere umano. Beh, non avrà il 100%, ma il 60%, perché continuerà a pagare i costi sociali degli umani licenziati: la sua pensione, le tasse e l’assicurazione sanitaria.

Ciò non è tanto costoso quanto il Reddito di Base, è facile da organizzare e da amministrare, e sarà un modo per realizzare in parte il vecchio sogno utopico: che le macchine funzionano per l’umanità. Possiamo iniziare un dibattito politico?

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.